La destinazione delle vostre vacanze Logo Sunelia
 

Diga di Malpasset

barrage de malpasset

Una diga in rovina dal 1959

Testimone di una catastrofe senza precedenti in Francia nel 1959, il sito di Malpasset ospita i resti della diga il cui cedimento ha causato la rottura di un'onda di oltre 40 metri. L'evento fu estremamente letale: l'acqua, sul suo percorso, annegò la valle del Malpasset fino al mare attraverso Fréjus, causando 423 morti e sparizioni sul suo percorso.

Con libero accesso, il sito della diga di Malpasset a Fréjus è sia un luogo di meditazione che un luogo con un ambiente unico che permette di misurare il contrasto tra la dimensione vertiginosa della struttura e la sua irrisoria fragilità di fronte agli elementi. Il sentiero che conduce alla diga è costellato da imponenti blocchi di cemento armato sparsi sull'alveo del fiume Reyran: questi blocchi di diverse tonnellate, depositati dalla forza dell'acqua alcune centinaia di metri a valle della diga, testimoniano la violenza del disastro.
 

Visita dei resti di Malpasset

Diversi percorsi permettono di raggiungere a piedi la diga del Fréjus, durante una piacevole passeggiata in famiglia o un'escursione più fisica. I sentieri che partono dal parcheggio sotto il ponte autostradale permettono di accedere al fondo della diga o alla parte superiore della struttura. Un percorso di meno di 1 km, a volte con un incidente, conduce al fondo della diga. Il sentiero che conduce alla diga di Malpasset è meno accidentato. L'anello della diga del Malpasset è un sentiero escursionistico di meno di 5 km che consiste, dal parcheggio, nel raggiungere il fondo della diga e poi proseguire fino al belvedere che la sovrasta. Una scorciatoia permette anche di scendere rapidamente dal belvedere ai piedi dell'edificio: tra due grandi blocchi ombreggiati di eucalipti si snoda un sentiero ripido. Si è quindi a monte della diga e si possono superare i blocchi per trovare il sentiero che conduce al parcheggio del ponte. A seconda del periodo dell'anno e del tempo, il fiume Reyran può essere più o meno alto: se è quasi asciutto in certi periodi, può essere pericoloso anche dopo forti piogge.

Da maggio a settembre, ogni martedì mattina vengono organizzate visite guidate al sito della diga di Malpasset a Fréjus. L'opportunità di conoscere meglio le specificità della diga ad arco e la sua costruzione, nonché il corso del disastro del 1959. Una passeggiata che unisce interesse scientifico e storico, umiltà e meditazione, e la dolcezza di una passeggiata mattutina nel massiccio dell'Esterel. Gli appuntamenti per le visite guidate alla diga sono generalmente organizzati di fronte all'ufficio turistico del Fréjus. E 'quindi necessario pianificare di guidare per raggiungere il sito.

I percorsi per mountain bike nel massiccio comprendono anche la diga dell'arco del Fréjus come destinazione o punto di attraversamento: un anello che parte dalla frazione di Esterets-du-Lac, un percorso che conduce alla diga da Les Adrets-du-Lac, un percorso che collega il lago Saint-Cassien alla diga, o la salita del Mont Vinaigre dal sito di Malpasset.

Mostra contenuto